Attacchi di panico

Attacchi di panico
Attacchi di panico: origini

Gli attacchi di panico, ovvero la paura della paura, arrivano come un fulmine a ciel sereno, improvvisamente e senza apparante motivo. Si scatenano palpitazioni galoppanti, col cuore che batte all’impazzata, tremori, dispnea, sensazione di soffocamento, dolori al petto, formicolio o torpore in alcune parti del corpo, sudorazione fredda e molti altri sintomi che rendono inermi, incapaci di reagire.

Alcune testimonianze hanno una similitudine con i sintomi dell’infarto.

Gli attacchi di panico arrivano quando si protrae a lungo il bisogno di controllare tutto per paura che qualcosa ci sfugga dalle mani. E’ toccare il fondo dopo aver esaurito tutte le nostre forze nel gestire minuziosamente ed ininterrottamente ogni cosa che ci circonda.

Ma se la paura la ascolti, la motivi, la misuri si può affrontare anche negandoci a ciò che ci appare troppo fastidioso, più grande di noi. La paura teme solo una cosa: la conoscenza. Essa lievita nell’ignoranza, ma è il sapere che ci fortifica.

La riflessologia tratta gli attacchi di panico stimolando zone energetiche del piede e del corpo per ridurre la frequenza degli episodi.

Attacchi di panico: di cosa parliamo

Gli attacchi di panico sono dei brevi periodi di ansia intollerabile che durano al massimo venti minuti. Quando sono ricorrenti, si parla di “disturbi di panico”. Quando una persona vive la spiacevole esperienza di un attacco di panico, teme che possa accadere di nuovo. Questa paura genera un circolo vizioso che può trasformare il singolo attacco di panico in un vero e proprio disturbo di panico.

Gli attacchi di panico fanno parte dei disturbi d’ansia. Di solito, vengono scatenati da un evento o un periodo particolarmente stressanti e colpiscono persone con una predisposizione genetica e psicologica ai disturbi d’ansia.

Questi eventi o periodi stressanti – per esempio,preoccupaziono circa la propria salute o quella dei propri cari o problemi e difficoltà personali e professionali – se non vengono affrontati o non possono essere affrontati (per vari motivi), rimangono latenti, causando nel tempo un aumento dell’ansia. Se si supera una certa soglia, possono scatenare un attacco di panico.

Se desideri contattarmi

Invia il modulo o chiamami al 334 – 1170584