Il massaggio

Il massaggio

Probabilmente non gli basta sapere il nome anatomico di una spalla dolente, ma vuole comprendere il significato che cela quel dolore, quale zona riflessa sta “parlando” e, soprattutto, perché. Per esempio, una situazione latente di preoccupazione che scatena quel dolore, tanto da non riuscire a muovere la spalla.

L’approccio con un operatore di riflessologia si sviluppa attraverso un’attenta osservazione, un ascolto approfondito e, quindi, una comprensione delle origini del disturbo organico, in modo da avvalersi di un massaggio mirato fatto con il cuore e il massaggio.

Grazie alla conoscenza del messaggio che c’è dietro un disturbo organico, l’operatore va ad allentare le tensioni del corpo così da ripristinare una corretta funzionalità organica. Si lavora per fare emergere la bellezza offuscata da un inestetismo, per allentare un dolore, per alleggerire il disagio che indebolisce la nostra forza.

Questo metodo di lavoro insegna che il nemico principale non è l’inestetismo o il dolore o il disagio, o che almeno non è solo quello. Bisogna capirsi, guardarsi dentro e scoprire le cause del proprio disturbo per prepararsi a un cambiamento, con un unico obiettivo: il risveglio del proprio essere e la rinascita del corpo.

Il nostro valido aiuto consiste nel far comprendere a una persona che richiede questa tipologia di massaggio i significati e i motivi di una disarmonia postulare, dell’alterazione di un tessuto, di un’unghia ispessita … e come collegarli alla perdita di serenità, agli stati di nervosismo, all’apatia.

Accade così che, per esempio, il motivo di una cellulite sia da ricondurre a un trattenimento emotivo che ha alterato una corretta funzionalità organica ad essa associata e che si possa lavorare a monte su un comportamento del soggetto che l’ha generata.

Tutto questo si traduce in benessere psico-fisico.

Stimolando correttamente il riflesso plantare e ascoltando tutto il corpo, leggendone la mappa con le mani, si riporta alla normalità ghiandole, tessuti ed organi, si sciolgono quei nodi che privano di vitalità i tessuti e immobilizzano l’essere, impoverendolo di libertà espressiva. L’operatore sarà in grado di metter in relazione le zone dei piedi, di valutare le disfunzioni in atto e ripristinare il flusso energetico, grazie alla stimolazione degli organi connessi.

Stimolando correttamente il riflesso plantare, si riportano alla normalità ghiandole, tessuti ed organi.

La riflessologia plantare è sia uno strumento di diagnosi che uno strumento di terapia. Con la riflessologia è infatti possibile individuare quali sono le zone dell’organismo che necessitano di aiuto, partendo dai piedi.

Una volta individuati i punti più dolenti, si continua con una terapia degli stessi, massaggiando i punti che fanno male.